Ultime novità internazionali del settore Ho.Re.Ca. di Agosto

31 Agosto 2021

M2A Breaking News – Agosto 2021

Cinque stati membri dell’UE annunciano l’intenzione di limitare i Pfas

Germania, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia informano congiuntamente l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) della loro intenzione di presentare un dossier di restrizione REACH sui PFAS nel 2022.

Il 15 luglio 2021, è stato annunciato che gli Stati membri dell’UE Germania, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia hanno informato ufficialmente l’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) della loro intenzione di presentare un dossier di restrizione dell’allegato XV del REACH sulle sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS).

Gli Stati membri sostengono che “la persistenza dei PFAS nell’ambiente implica una presenza praticamente irreversibile, rappresentano un rischio inaccettabile per l’ambiente e gli esseri umani”. La restrizione proposta coprirebbe la produzione, l’uso e l’immissione sul mercato dell’UE dei PFAS. REACH “è considerato il modo più efficace ed efficiente per gestire un gruppo così grande e complesso di sostanze che sono utilizzate in numerose applicazioni”. I cinque Stati membri stanno ora consultando le parti interessate mentre preparano il dossier sulle restrizioni.

Era gennaio 2020 quando i ministri dell’ambiente di questi paesi hanno annunciato per la prima volta la loro intenzione di lavorare per un’azione comune a livello europeo per affrontare l’intera classe dei PFAS.

Il Maine elimina gradualmente i Pfas in tutti i prodotti entro il 2030

Lo stato americano del Maine approva il decreto LD 1503, il regolamento sui PFAS più completo degli Stati Uniti; i produttori devono segnalare gli usi dei PFAS nello stato; entro il 2030 tutti gli usi dei PFAS saranno vietati a meno che non siano designati come “attualmente inevitabili”.

Lo stato americano del Maine ha approvato la legge LD 1503, il regolamento più severo sulle sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) negli Stati Uniti finora e uno dei più severi a livello globale. Entro il 2030, tutti gli usi dei PFAS, eccetto quelli specificamente designati dal Dipartimento di Protezione Ambientale del Maine (DEP) come “attualmente inevitabili”, saranno proibiti. Entro il 1 gennaio 2023, qualsiasi produttore di un prodotto contenente PFAS che desidera vendere nel Maine deve presentare una notifica che includa una descrizione del prodotto e lo scopo, la quantità e i tipi di PFAS utilizzati.

Almeno altri sei stati americani vietano i PFAS in casi d’uso specifici, come gli imballaggi alimentari e la schiuma antincendio, ma la legge del Maine è la prima che richiede la creazione di un inventario di tutto l’uso dei PFAS nello stato. Il DEP può usare l’inventario per eliminare gradualmente i PFAS in altre categorie di prodotti prima del 2030.