#
01 gennaio 1970
NUOVE NORMATIVE E PROPOSTE DI LEGGE SULLA PLASTICA

EUROPA

Il Parlamento europeo ha approvato la relazione sulla proposta di regolamento della Commissione europea di alcuni articoli di plastica monouso che contribuiscono all’inquinamento marino.
Il 24 ottobre 2018, il Parlamento Europeo (PE) ha approvato una relazione redatta dalla sua Commissione per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e l’Autorità sulla Sicurezza per gli Alimenti (ENVI) sulla proposta legislativa della Commissione Europea (CE) per la riduzione dell’impatto ambientale di alcuni prodotti in plastica, pubblicata nel maggio 2018 (riporta l’FPF). Successivamente, il Parlamento Europeo “avvierà negoziati con il Consiglio una volta che i ministri dell’UE avranno concordato la loro posizione”.
Le “nuove norme UE ora adottate affrontano il problema della dispersione in mare degli attrezzi da pesca e dei 10 prodotti di plastica monouso che maggiormente si trovano sulle coste europee” e che “rappresentano il 70% dei rifiuti marini”, ha riassunto il Parlamento Europeo (ha riferito il FPF).
Alcuni di questi prodotti, tra cui cotton fioc, posate, piatti, cannucce, agitatori e bastoni per i palloncini “potrebbero presto essere vietati in quanto sono ora disponibili alternative non plastiche”.

AMERICA MERIDIONALE

La bozza finale del MERCOSUR sulla Risoluzione, rivista, GMC n. 32/07 che consente l’utilizzo di additivi che possono essere usati nella produzione di materiali plastici a contatto con gli alimenti è in fase di consultazione pubblica nazionale e internazionale prima della pubblicazione. La risoluzione comprende limiti di migrazione specifica e restrizioni d’uso per un elenco aggiornato degli additivi consentiti, oltre a definire metodi di calcolo per valutare la conformità ai limiti massimi di legge.
La bozza finale è stata presentata ai Coordinatori Nazionali durante la riunione del MERCOSUR SGT n. 3 tenutasi a fine di agosto. Il passo successivo è la pubblicazione della bozza in ogni Stato membro (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) per un periodo di consultazione di almeno 60 giorni.
Una volta che i Coordinatori Nazionali riceveranno i pareri, questi saranno esaminati e trasmessi al MERCOSUR Food Packaging Group per la revisione e all’organo esecutivo del MERCOSUR, Grupo Mercado Común (GMC) per le revisioni finali. In seguito, sarà sancito formalmente (con eventuali modifiche) come risoluzione del GMC e pubblicato dal MERCOSUR. L’ultimo passo prevede che gli Stati membri recepiscano la nuova Risoluzione GMC nelle rispettive legislazioni nazionali entro 180 giorni, ai sensi della Risoluzione GMC n. 45/17.