#
18 ottobre 2018
FOOD CONTACT NEWS

L’ITALIA ESTENDE I TERMINI FISSATI DALLA LEGGE N.29/2017 PER I PRODUTTORI DI MATERIALI A CONTATTO CON ALIMENTI

In data 28 settembre 2018 è stato modificato il regolamento italiano D.lgs.10 febbraio 2017, in particolare l’articolo N.6 relativo alle violazioni del Regolamento (CE) n. 1935/2004, n. 1895/2005, n. 2023/2006, n. 282/2008, n. 1938. (CE) n. 1935/2004, n. 1895/2005, n. 2023/2006, n. 282/2008, n. 450/2009 e n. 10/2011 per i materiali a contatto con gli alimenti.
La legge n.108 del 21 settembre 2018 prevede dichiarazioni obbligatorie per i produttori di materiali a contatto con gli alimenti (Gazzetta Ufficiale riportata). E’ obbligatorio per tutti i produttori informare le Autorità sanitarie su tutti i siti produttivi già operativi entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge.
Chi non ottempera’ al regolamento sarà soggetto a severe sanzioni, anche per quanto riguarda gli articoli importati”.

LA CALIFORNIA VIETA LE CANNUCCE DI PLASTICA
LO STATO AMERICANO DELLA CALIFORNIA VIETA LA FORNITURA DI CANNUCCE DI PLASTICA NEI RISTORANTI DOVE IL PASTO E’ SERVITO AL TAVOLO, SALVO RICHIESTA DEI CLIENTI; LA LEGGE ENTRA IN VIGORE IL 1° GENNAIO 2019.

In un articolo pubblicato il 24 settembre 2018 dal notiziario EcoWatch, la giornalista Olivia Rosane ha informato che lo Stato americano della California ha promulgato una legge che vieta le cannucce di plastica nei ristoranti.
Il governatore della California, Jerry Brown, ha firmato la legge il 20 settembre 2018. La legge entrerà in vigore il 1° gennaio 2019 e “vieta ai ristoranti di fornire cannucce a meno che un cliente le richieda”, ha spiegato Rosane. Tuttavia, la legge “si rivolge solo ai ristoranti dove il pasto è servito al tavolo, non ai fast food, alle gastronomie o ai coffee shop”, ha aggiunto. Il governatore Brown ha dichiarato: “È un minuscolo accorgimento per far sì che un cliente che vuole una cannuccia di plastica la richieda” e “dobbiamo trovare il modo di ridurre ed eventualmente eliminare i prodotti monouso in plastica”.

Per maggiori informazioni, clicca qui e leggi la documentazione completa.