#
30 novembre 2017
FOCUS SUI PREZZI

Come è possibile notare, la volatilità all’interno dell’anno è stata elevata, ed al momento il nickel sta toccando i valori più elevati del 2017, anzi degli ultimi due anni. Questo peraltro dopo una sua “caduta” all’inizio del periodo estivo, poi interamente recuperata a partire dalla metà di luglio. Sappiamo che le materie prime sono più o meno tutte state toccate dalla speculazione, qualcuna in maniera incisiva, altre in maniera più blanda. Il nickel è considerato abbastanza “lento” nel panorama delle commodities, in quanto non ha avuto la stessa volatilità del rame o dello zinco. Nonostante questo la crescita è stata considerevole, ed è difficile fare delle previsioni sul possibile andamento. Alcune fonti insistono sul fatto che ci saranno forti aumenti causati dal massivo sviluppo dell’auto elettrica, altri invece sminuiscono gli effetti della maggior esportazione dall’Indonesia, la cui limitazione al tempo aveva creato problemi di tensione al rialzo sulle quotazioni.

POLIMERI

In questo ultimo periodo l’attività nel mercato del PP si sta stabilizzando dopo aver registrato degli aumenti durante settembre e novembre.  In asia invece aumenti dei future spingono mercato del PP locale in rialzo. Resta da valutare come evolverà il mercato del petrolio nei prossimi mesi e come questo influirà il prezzo dei polimeri. Il prezzo del policarbonato sta continuando a salire a causa di mancanza di materia prima in Europa. Questo problema è causato dalla forte domanda di materiale da parte dei mercati asiatici che sta assorbendo buona parte del materiale che prima era destinato all’Europa.